Come se non ci fosse un domani – Agnès Ledig

Titolo: Come se non ci fosse un domani
Autore: Ledig Agnès
Casa Editrice: Mondadori
Genere: Romanzo
Traduttore: Stefania Ricciardi
Pagine: 274
Prezzo: 19,00

Fare un conto dei libri d’amore scritti nel tempo è praticamente impossibile, tuttavia si può dire che ci sono romanzi che le inguaribili romantiche non possono assolutamente non aver letto. Nella storia d’amore per antonomasia di Romeo e Giulietta, Shakespeare ci ha insegnato che sfortunatamente le relazioni non hanno sempre un lieto fine. Anche il romanzo di Agnès Ledig ha un Romeo e una Juliette protagonisti, ma l’autrice tende la mano ai suoi personaggi, ci parla anche delle occasioni che capitano nella vita e che bisogna cogliere al volo senza rimpianti e offre loro una seconda possibilità. Come se non ci fosse un domani è una bella storia che tocca il cuore e non si dimentica facilmente, capace di tenere l’attenzione costante dalla prima all’ultima pagina.

Romeo fa il pompiere di professione, è il classico eroe di ogni tempo, coraggioso, sta sempre dalla parte dei buoni e dei deboli. Nel tentativo di salvare la vita ad un bambino chiuso in un alloggio invaso dalle fiamme, un giorno cade dall’ottavo piano. Viene ricoverato in ospedale in condizioni disperate. Juliette è l’infermiera del reparto che si prende cura di lui. Per lunghi giorni i medici cercano di rimetterlo in sesto e i due hanno modo di conoscersi. Romeo è un uomo sofferente sia per il permanere delle sue condizioni fisiche critiche sia perché al momento non può occuparsi della sorella adolescente, ribelle e fragile, di cui è tutore. Anche Juliette attraversa un brutto periodo. Da anni cerca invano di avere un figlio ma la sua vita coniugale è piuttosto complicata, in quanto il suo desiderio non è pienamente corrisposto dal compagno, un uomo egoista che la tratta spesso male e non la rispetta. L’incontro tra queste due persone ferite nel loro intimo ci fa scoprire una narrazione tenera ma nello stesso tempo triste perché la loro conoscenza subisce un brusco arresto.

Se si pensa che Agnès Ledig abbia costruito un romanzo d’amore in cui Romeo e Juliette sono gli unici protagonisti si sbaglia. La vicenda vede l’entrata in scena di altri personaggi comprimari, in particolare la nonna Malou, un’ottantaquattrenne abile nel manovrare i fili del destino fino alla fine del racconto. E’ una figura che fa innamorare il lettore, forse la più introspettiva di tutta la storia. E proprio il destino guida la vita dei vari personaggi: è lui a scegliere gli amori, gli incontri e gli addii che si succedono nelle pagine del romanzo. Personaggi fragili, veri, con cui si riesce a stabilire un rapporto empatico. Tutta la trama ruota attorno alle figure femminili, gli uomini – eccetto Romeo – si muovono sullo sfondo. L’autrice ha saputo scavare nell’animo umano e la sua penna ha generato un libro in grado di trasmettere una ridda di emozioni forti, dalla disperazione alla gioia alla nostalgia. Ogni sentimento è analizzato in mille sfaccettature e la lettura si colora di immagini vive.

Come se non ci fosse un domani è un libro che ha un grande merito. Attraverso la figura di Juliette l’autrice parla alle donne che non hanno il coraggio di reagire a situazioni di cui sono prigioniere e, pur soffrendo, non riescono ad aspirare a un cambiamento. Queste donne sono accomunate a Juliette dalla medesima condizione. E Agnès Ledig lancia il suo messaggio: l’amore per la vita – in assoluto per la propria –  deve sempre trionfare.

0

Acquista subito

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?