Clara Sanchez vince il Premio Planeta 2013

Creato nel 1952 da José Manuel Lara, il Premio Planeta è oggi il più importante riconoscimento letterario spagnolo, oltre che il secondo premio finanziariamente più cospicuo al mondo dopo il Nobel: al vincitore viene consegnato un assegno di 601 mila euro. Conferito ogni anno dalla casa editrice Planeta, negli ultimi anni è stato oggetto di critiche a causa dei numerosi autori da lei pubblicati e risultati vincitori.

E’ la scrittrice Clara Sánchez ad aggiudicarsi il primo premio per l’edizione 2013 con il romanzo El cielo ha vuelto, che racconta la vicenda di una modella che scopre come la terribile rivelazione di un’indovina, fatta a lei in passato, stia diventando realtà: qualcuno la vuole morta e sta rendendo la sua vita un incubo.

Clara Sánchez, nata a Guadalajara nel 1955 e laureatasi in filologia spagnola all’Università Complutense di Madrid, esordì nel 1989 con il romanzo Piedras preciosas, che ricevette subito il favore della critica. Nel 2011 ottenne la fama mondiale con il romanzo Il profumo delle foglie di limone, pubblicato in Italia da Garzanti, con la quale ha pubblicato anche La voce invisibile del vento e Entra nella mia vita.

“Ho voluto esplorare la diffidenza e analizzare questa nuova sfiducia che abbiamo dovuto integrare nella nostra vita per capire se può condurci alla crudeltà o alla lucidità”, queste le parole dette da Clara Sánchez  a proposito del libro premiato. L’autrice ha inoltre concluso il suo intervento con una frase enigmatica: “Ai vampiri, più che il sangue, piacciono i neuroni”.

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?