Brave persone – Nir Baram

Titolo: Brave persone
Autore: Baram Nir
Data di pubbl.: 2011
Casa Editrice: Ponte Alle Grazie
Genere: Narrativa
Pagine: 559
Prezzo: 22

Thomas e Aleksandra, ossia l’incapacità di opporsi ad un destino universale e alla faccia banale del male, sono i protagonisti del libro “Brave Persone” di Nir Baram, autore israeliano giunto alla sua quarta opera.

Ambientato negli anni neri del XX secolo, quelli dello scontro tra nazismo e stalinismo, il libro di Baram è la storia di due persone incapaci di discernere il bene dal male, di opporsi allo status quo, che si amalgama alla perfezione ad un’umanità che ha perso la sua umanità.

Thomas è un brillante ricercatore di mercato di Berlino, ma la sua vita cambia completamente nel novembre del 1938, nel corso della Notte dei cristalli, quando il nazismo mostra il suo vero volto facendo capire al mondo come tratterà la Questione ebraica.

Aleksandra è un’ebrea russa la cui famiglia fa parte dell’intellighenzia stalinista. Anche lei vedrà il volto violento del regime e metterà da parte le proprie aspirazioni pur di salvarsi e di proteggere i propri cari.

Tra mille peripezie e scherzi del destino, i due si incontreranno a Brest nel 1941, quando Germania e Russia sono ormai ai ferri corti. Thomas è diventato un burocrate al servizio del Ministero degli esteri tedesco nonché fautore del Modello dell’uomo polacco, un testo che nonostante non propagandasse violenze o la soppressione delle popolazioni autoctone, viene stravolto dalla politica della sopraffazione attuata dai tedeschi all’indomani della conquista della Polonia. Aleksandra è al servizio della Nkvd, il servizio di intelligence, che protegge lo status quo e sradica tutto ciò che è contrario al regime.

Entrambi sono paladini dell’indifferenza, sottoscrittori di colpe che non considerano proprie ma affar di stato, fautori di un destino più grande di loro ma che senza la collaborazione di ognuno non avrebbe potuto compiersi.

Nelle 559 pagine di questo libro, Nir Baram scrive un romanzo commovente e che fa riflettere. Thomas e Aleksandra sono brave persone che non sanno di fare la storia, o di farne parte. Sono agenti che si credono esclusi dal rapporto causa – effetto.

Tecnicamente parlando il libro scorre, forse alcuni passaggi possono risultare un po’ pesanti, ma alla fine il lettore viene premiato. Non è un libro per tutti, perché è un romanzo storico con tutti i suoi pregi e i suoi difetti. È scritto in modo innovativo. È un libro attuale, perché la banalità del male esiste ancora oggi, ma soprattutto esiste ancora l’inconsapevolezza di fare la storia.

0

Acquista subito

Martino Ciano

Classe 1982, vive a Tortora, comune della provincia di Cosenza. Promesso ragioniere, lascia la partita doppia per la letteratura, la poesia, la musica e il giornalismo. Si laurea in Scienze Storiche all’Università La Sapienza di Roma. Attualmente è corrispondente per l’emettente televisiva Rete 3 Digiesse. Nel 2011, l’incontro con Gli amanti dei libri, per cui cura la rubrica Amabili letture. Collabora anche con le riviste letterarie Euterpe, Satisfiction e Zona di Disagio di Nicola Vacca. Ama scrivere racconti, alcuni dei quali sono stati pubblicati su siti e riviste on-line. Tra questi, La logica del difetto è nel catalogo dalla Bla - Bookmark Literary Agency di Paolo Melissi. La sua pagina personale facebook è Dispersioni 82. AMABILI LETTURE: I libri che mi piacciono, i classici che mi hanno formato, il profumo delle parole che mi hanno riempito l’anima. Sono un lettore anarchico, che si sposta da un genere all’altro con il solo obiettivo di saziare le mie curiosità. Voglio condividere con voi le mie impressioni sulle opere che mi hanno reso un divoratore di parole. In questo spazio verrà data voce agli esordienti, agli autori dimenticati, ai poeti, ai sognatori, agli irregolari. La letteratura è arte e scrivere d’arte è il mestiere più bello del mondo.

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?