Avanzano le trattative fra editori e Antitrust ma Apple dice no

Dopo l’inizio delle indagini per valutare le responsabilità circa il coinvolgimento di Apple e 5 editori in un accordo sui prezzi di eBook, l’Antitrust UE e USA hanno avanzato una proposta alla quale Apple pare contraria..

Secondo i primi risultati delle indagini sui prezzi eBook commercializzati da Apple tramite le sue applicazioni come iBooks, l’Antitrust aveva rilevato la possibile presenza di un cartello che impediva la libera concorrenza sul mercato della distribuzione di eBook. Era saltata fuori la notizia che alcune case editrici avevano stretto accordi con la società di Cupertino per controllare i prezzi di vendita.

La proposta avanzata dall’Antitrust europeo e statunitense è di annullare i precedenti accordi tra Apple e le case editrici, lasciando libere queste ultime di imporre il proprio prezzo sugli eBook.
Solo in questo modo si potrebbe arrivare ad equilibrare il mercato e a ripristinare la libera concorrenza con il principale rivenditore rivale: Amazon. L’obbiettivo sarebbe quello di mantenere accessibili i prezzi di vendita.

Apple non sembra molto favorevole a questa scelta espressa dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Delle cinque case editrici coinvolte, solo tre sembrano disponibili a cambiare le strategie di vendita: Hachette, Harper Collins, e Simon & Schuster.

Rimaniamo in attesa di aggiornamenti sul parere delle altre case editrici, sulle trattative dell’Antitrust e seApple riuscirà a dimostrare di non aver agito con intenzione di monopolizzare il mercato.

Fonte: ebookgratis

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?