A tu per tu con… Petros Markaris

MarkarisNato ad Istanbul, in Turchia, nel 1937 da padre armeno, Petros Markarīs parla e scrive in greco, turco e tedesco.  Sceneggiatore e autore di teatro, ha collaborato con Theo Angelopoulos a numerose sceneggiature, tra cui quella del film L’eternità e un giorno, Palma d’oro a Cannes nel 1998. Ha tradotto in greco diverse opere teatrali tedesche, ma è noto al pubblico europeo soprattutto come creatore del commissario Kostas Charitos, della polizia criminale ateniese,  protagonista di una serie di libri e anche di un adattamento tv di grande successo in Grecia e definito “il fratello greco di Maigret” e “il Montalbano di Atene”. L’ultimo capitolo della serie, “Titoli di coda” (Bompiani) è stato presentato al Salone di Torino.

Nei suoi libri emerge in primo piano anche la situazione della Grecia moderna e soprattutto della sua capitale devastata dalla speculazione e dalla corruzione ed è soprattutto di questo che gli chiediamo di parlare.

Quanto è importante per lei basarsi sulla realtà nei suoi romanzi?

Il lettore comune è molto felice di leggere di questi argomenti e apprezza molto i miei libri. La gente mi incontra per strada e conferma la fotografia  della realtà greca che fornisco nei miei romanzi, ammettendo anche le proprie colpe. Ho un dialogo e un confronto costante con i miei lettori.  Non è così con i politici che sono venuti dopo la guerra civile terminata nel 1974: loro non si sentono affatto lusingati e protestano per i giudizi molto duri contenuti nelle mie pagine e lo stesso vale per il settore pubblico, che accuso di corruzione.

Da quando ha iniziato a scrivere i suoi romanzi legati alla crisi, com’è cambiata la Grecia? Com’è la situazione politica oggi?titoli di coda

Purtroppo in realtà la Grecia non è cambiata quasi per nulla,  perché la seconda generazione di politici  continua a fare gli stessi errori del passato e ha sempre la stessa mentalità. Si continua ad insistere su un modello che oramai è crollato: per questo c’è così tanta corruzione e circolano tra la gente promesse che non possono essere mantenute. E’ la stessa mentalità in una nazione completamente diversa solo esteriormente.

Come stanno i Greci? C’è qualcosa che secondo lei non riesce ad emergere ed arrivare alle cronache internazionali?

Non è l’aspetto finanziario che manca sui media, ma la vita di tutti i giorni che si può cogliere chiaramente attraverso un romanzo. Tutti sappiamo le vicende dei politici, la loro corruzione e l’evasione fiscale  ma io cerco di raccontare come la crisi ha avuto impatto sulle vite della gente comune  e anche i modi diversi con cui le persone hanno reagito: alcune hanno preso atto della situazione e hanno cercato di fronteggiarla, altri invece hanno cercato di fuggire dalla realtà.

Quali sensazioni si augura provino i lettori una volta terminato il suo romanzo?

Mi auguro che provino sentimenti contraddittori: da una parte dovrebbero essere arrabbiati, addirittura furiosi ma dall’altro dovrebbero provare compassione, capire gli errori fatti  ma non perdonarli. Soprattutto  è fondamentale che cerchino di approfondire il passato: in Grecia non è stato ancora studiato ed elaborato in modo giusto e a causa di questo viviamo ancora adesso le conseguenze della guerra civile.

0

Acquista subito

Milanese di nascita, vive da sempre nel Varesotto. Insegnante di lettura e scrittura non smette mai di studiare i classici, ma ama farsi sorprendere da libri e autori sempre nuovi. Sommelier, abbina quando può un buon romanzo al bicchiere appropriato.

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?