A 82 anni si laurea per la Settima volta.

“La cultura non è importante, è fondamentale”. E’ con questa frase che Luigi Milana, 82 anni, cerca di convincere le nuove generazioni allo studio. In realtà la sua esperienza vale più di mille parole, un esempio che parla da solo. Un signore normale, dalle abitudini comuni e sette lauree. Essì sette! Ma ciò che lascia senza parole non è tanto il numero, quanto il fatto che l’ultima di queste è stata portata a termine lunedì scorso, 17 ottobre 2016.

A ottantadue anni il signor Milana ha conseguito quella che dovrebbe essere la sua ultima laurea, come promesso alla moglie, coronando un sogno che fin da bambino lo accompagnava nella quotidianità: diventare dottore. Rimasto orfano alla sola età di 10 anni non ha potuto studiare all’età dovuta, ma anzi, ha alloggiato durante la sua adolescenza presso un collegio di Verona in cui il destino di tutti gli studenti era quello di diventare periti elettrotecnici. Si è cercato un impiego in un zuccherificio a Pontelongo, per poi sportarsi nei cantieri navali di Venezia dove ha lavorato per 25 anni.

La volontà di approfondire la passione per la cultura non ha mai abbandonato però, il signor Luigi, il quale nel bel mezzo della sua vita ha deciso di provarci, e di non ritenersi “troppo vecchio” per studiare: a 53 anni si impegna in un lavoro vicino a casa, in modo tale da poter occupare il tempo libero nello studio, e così arriva la prima laurea in Lettere con il vecchio ordinamento. La prima di una lunga serie, perché ad essa, appunto, ne susseguirono altre incredibili sei!

Ha continuato infatti con il diploma in Teologia, la laurea triennale in Filosofia e la laurea magistrale in Storia. È passato poi a Scienze storiche e lo scorso anno ha concluso il ciclo magistrale in Scienza delle religioni. A 73 anni ha ricevuto un anno di assegno di ricerca come esperto di Cartesio, la più grande soddisfazione per il pluridottore, il quale di fronte a moglie figli e nipoti ancora si emoziona indossando la corona d’alloro. La tesi con cui si è presentato a quest’ultima commissione era intitolata: “Guido Gozzano: poetica, lettere, poesie”

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?