Da Leopardi ad oggi. Innovazione: la nuova Little Free Library di Recanati

Un weekend ricco di iniziative culturali, lo scorso, che in particolare ha visto un momento d’apice a Recanati. Nella città natia di Leopardi, infatti, ieri è stata inaugurata la terza “cassetta dei libri” della città: si trova a parco di Villa Colloredo e rientra nel programma di diffusione delle “Little Free Libraries”.

Se non sapete cosa sono, non appena leggerete le prossime righe vi si illuminerà la giornata!

Le Little Free Libreries sono nate in America nel 2009, quando Todd Bol decise di dar vita a piccolissime biblioteche libre, appunto, sparse in vari punti del territorio: fisicamente si tratta di cassette di legno come quelle per i pipistrelli o per gli uccelli, che però sono adibite ad ospitare libri. Il progetto ha assunto poi ancor più valore, quando insieme ad un amico, Rick Brooks, crearono una rete che si proponesse di individuare e segnalare tutte le cosiddette Little Free Libreries della zona.

In Europa sono arrivate un poco più tardi, con maggior sviluppo nei Paesi del Nord, ed in Italia solo pochi anni fa a partire da Roma e poi nel circondario di Milano.

Ecco come anche a Recanati siamo giunti a parlare dell’iniziativa, che al momento conta già tre cassette – una ai giardini pubblici ed un’altra davanti alla casa di Leopardi, presso le quali non solo i lettori si recano per leggere, ma anche per organizzare gite collettive e pic-nic all’aria aperta.

Naide Papetta Cingolani è stata la madrina dell’evento, che con la seconda pubblicazione della sua opera “I segreti dell’anima” ha donato una nota poetica all’inaugurazione, grazie ai ricordi e sentimenti contenuti nel suo testo, totalmente dedicato a Recanati e all’atmosfera Leopardiana che sempre fa vivere.

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?